Orchestra Swing

La parola Swing indica allo stesso tempo un tipo di musica e un tipo di danza: fondamentalmente si tratta di musica caratterizzata da un ritmo che provoca un’irresisitibile voglia di ballare! Addirittura, i ballerini di swing sono chiamati Jitterbuggers (letteralmente “insetti nervosi/tremolanti”, come a dire dei “tarantolati”) proprio per i tipici movimenti veloci e dinamici accompagnati dal famoso bounce.

Eventi Swing

Il ballo “Swing” si sviluppa a partire dalla musica Jazz degli anni 1920–1940 (la Swing Era) e si arricchisce delle influenze rock’n roll degli anni che vanno dal 1940 al 1960. Le declinazioni più famose di questo tipo di danza, e quelle più riprese da tanti ballerini nel mondo in questi ultimi anni, sono il Lindy Hop, il Charleston, il Jazz Roots e il Balboa. Altrimenti si possono annoverare anche il Collegiate Shag, il Boogie-Woogie, il West Coast Swing, il Rockabilly Jive, il Blues… é una community di ballerini enorme!

Lindy Hop

Il Lindy Hop in particolare è forse lo stile più conosciuto e diffuso. Si tratta di un ballo di coppia allegro e vivace, che unisce i movimenti improvvisati delle danze africane con le strutture in 6 e 8 tempi delle danze europee. Non per niente si sviluppa verso la fine degli ‘20 nella comunità afro-americana di Harlem a New York, per poi diffondersi e attirare rapidamente amanti della musica swing da tutto il mondo negli anni ‘30 e ‘40. Si può ballare su ritmi variegati, dal lento al molto rapido, e la figura fondamentale é il celebre Swing-Out!

Charleston & Solo Jazz

Anche il Charleston nasce negli Stati Uniti verso la fine degli anni ’20, prendendo il nome dalla città di Charleston, nella Carolina del Sud. Da questo ballo discende il Jazz Roots, che é l’unico stile di danza swing ballato in “solo”, cioè senza partner, ed é infatti chiamato spesso anche Solo Jazz.

Si è sviluppato in contemporanea con il Lindy Hop e il tip-tap ed é precursore di altri balli di strada come il funk e l’hip-hop. Il Jazz Roots richiede molta inventiva e interpretazione anche da parte delle follower, che di solito si accomodano e si limitano a seguire la guida del loro leader nei balli in coppia. Una volta superato lo scoglio iniziale, si rivela però uno strumento strategico per potersi iscrivere ai workshop di swing o divertirsi in pista quando i leader scarseggiano!