Il galeteo della Social Dance

Esistono delle regole di galateo scritte da rispettare durante una social dance? Certo è ovvio! C’è un libro rilegato con la pelle del tamburo della batteria di Chick Webb e scritto personalmente, riga per riga, da tutti i Whitey’s Lindy Hoppers. Questo libro si trova ad Harlem, sepolto dove un tempo sorgeva la mitica ballroom del Savoy ma dato che siamo ormai nel 2020, è possibile consultarlo sul sito: 

 www.inrealtànonesistenessunlibromasarebbebello.com

Scherzi a parte, non esistono regole scritte ma ci sono alcuni comportamenti da rispettare sempre! 

Partiamo dalle basi per una serena convivenza durante una social dance.

Il galeteo della Social Dance: l’igiene 

Come la stragrande maggioranza di chi sta leggendo avrà ormai constatato, durante una serata swing si suda…eh già, si suda pure tanto! Quindi, come ovviare a questo spiacevole inconveniente?

  1. Faccio un ballo, salto in macchina, brucio una decina di semafori rossi, casa! Doccia, profumo e via di nuovo bello/a come il sole…sotto a chi tocca!
  2. Parto da casa munito di: vari cambi (a voi la scelta del numero in base al vostro livello di sudorazione), asciugamano e deodorante. Questo il bagaglio minimo per avere sempre una parvenza di freschezza.

La scelta sembra scontata, ma sta in ogni caso a voi decidere l’opzione migliore in base alle vostre esigenze, la cosa importante è avere sempre rispetto per voi stessi e per la persona con cui state ballando. Queste sono accortezze che è sempre bene rispettare.

Il galeteo della Social Dance: il dress code

Quando andiamo a ballare Swing, siamo ispirati anche dalla atmosfera che ci circonda in pista e di cui facciamo parte. Affermando innanzitutto che ognuno ha i propri gusti e il proprio stile, sicuramente possiamo dare delle indicazioni per rendere l’ambiente più in linea con il tipo di ballo che pratichiamo, come indicato nelle vignette di Carola Ghilardi.

Come prepararsi ad affrontare una social dance

Come prepararsi ad affrontare una social dance

Il galeteo della Social Dance: l’atteggiamento

Ora che abbiamo chiarito il lato “pratico” della questione, possiamo passare a quello umano. 

Il sorriso. Non c’è bisogni di arrivare a fine serata con una paresi facciale che farebbe invidia alle partecipanti di Miss Italia, ma quando invitate qualcuno a ballare – che sia un cavaliere che invita una dama o viceversa- fatelo sempre sorridendo. 

Le presentazioni. Se non conoscete il ballerino o la ballerina con cui state per ballare, presentatevi! Fa sempre molto piacere sapere il nome delle persone con cui state condividendo un momento della serata. 

I giudizi. Il ballo social non è un esame, quindi non lasciatevi andare in giudizi sul livello di ballo del vostro partner ma godetevi il momento. Un bravo ballerino e ballerina infatti è capace di fare un bel ballo con qualsiasi partner.

La gestione della pista. Per goderci il ballo senza tornare a casa con lividi e tagli sul tendine di Achille, dobbiamo rispettare lo spazio della pista. Una volta scelta la nostra “mattonella” sul pavimento, calcoliamo lo spazio che possiamo occupare per il ballo in base alla presenza delle altre persone. Solo se la pista è poco affollata possiamo lanciarci in swing out e charleston scatenati, ma se la pista, come spesso accade, è gremita, allora dobbiamo moderare i nostri slanci e stare sempre molto attenti a non invadere la mattonella altrui. In entrambi i casi, nel ballo Swing si occupa sempre lo stesso punto sulla pista. 

Il saluto. Una volta terminato il brano, non ve ne andate come se aveste finito un turno di lavoro lasciando il o la partner in mezzo alla pista. Magari scambiate qualche parola e, perché no, fate anche un bis. Se vi siete trovati molto bene, potete anche rimanere a ballare con quel o quella partner per tutto il tempo che desiderate. Non ci sono limiti.

Pensare di avere questo genere di approccio renderà tutto molto più semplice, fluido e divertente.

Frankie Manning e Erin Stevens

“When you are dancing with your partner, for that two and a half minutes, you are in love with each other. You’re corresponding with each other by the moves that you make. It’s a love affair, between you and your partner and the music. You feel the music, you feel your partner, she feels you and she feels the music. So there the three of you are together. You’ve got a triangle, you know. Which one do you love best?” – Frankie Manning.

Il galeteo della Social Dance: la musica

Non ci resta che affrontare l’ultimo argomento: la band!

I musicisti sono la batteria che alimenta la nostra fame di ballo. Sono indispensabili per noi. Quindi, facciamoglielo capire: incitiamoli e applaudiamo sempre alla fine di un brano. Sono lì per farci scatenare con tutta la loro energia, ringraziamoli per questo!

Non dimentichiamoci dei Dj…respect! Anche loro incidono sull’energia della serata. 

Jazz & Swing Dance 1943 (Duke Ellington)

Speriamo che questo articolo sia riuscito a strapparvi un sorriso e che, soprattutto, vi possa essere di aiuto per godervi meglio la vostra social dance!

Buon ballo a tutti!

Giuliano